Internet

Nuovo Strumento per la Customer Experience

Come già rilevato nei post precedenti, le aziende italiane considerano sempre più importante offrire ai propri clienti esperienze digitali coinvolgenti. In quest’ottica, Adobe ha messo a punto una nuova piattaforma detta di Customer Experience Management (CEM).

Grazie alla piattaforma CEM Adobe Digital Enterprise Platform le aziende potranno stabilire relazioni sempre più interattive e multicanale con i clienti facendo interagire sia l’uso di dispositivi mobili che di strumenti social. Continue reading →

Posted by admin in Adobe, Internet, Marketing

Twitter inaugura la piattaforma di analisi del traffico

Twitter è una potente piattaforma per siti web per condividere i propri contenuti e veicolare il traffico. Tuttavia, gli utenti hanno difficoltà a misurare con precisione la quantità di traffico che  Twitter sta inviando ai loro siti, in parte perché il software di analisi web non si è evoluto così velocemente come gli strumenti di condivisione online.

Da oggi è disponibile Twitter Web Analytics, uno strumento che aiuta i proprietari di siti a misurare  il traffico che ricevono da Twitter e l’efficacia delle integrazioni Twitter sui loro siti. Twitter Web Analytics è stata trainata dal acquisizione di BackType, annunciato nel mese di luglio. Continue reading →

Posted by admin in Internet, SEO, Social Networks, tecnologia

Visibilità Online: qualità dei siti per Link Building

La visibilità online di un sito web é ormai elemento fondamentale per la sua sopravvivenza, qualunque sia il sue modello di business.Uno dei metodi più importanti per aumentare la visibilità online é l’acquisizione di link da siti esterni verso il proprio sito.  Continue reading →

Posted by admin in Google, Internet, Marketing, SEO

Google: la cloudmail permette risparmi energetici

Il cloud computing per risparmiare energia. È questo il succo del report pubblicato da Google, dedicato nel dettaglio ad analizzare i risparmi “verdi” ottenibili dalle aziende attraverso l’uso di Gmail, affidandosi quindi alle mani di Big G, piuttosto che ospitare server mail al proprio interno.

Nel documento, Google ha anche pubblicato le proprie stime di consumi effettuate: per ogni singolo utente mail, essi sarebbero annualmente pari a 175kWh per le piccole aziende, 28,4kWh per quelle medie e 7,6kWh per quelle più grandi. Prendendo come (ovvio) riferimento Gmail, il consumo sarebbe invece pari a meno di soli 2,2kWh, permettendo di arrivare così secondo Google a risparmiare in emissioni di carbone fino a 80 volte rispetto alla normale soluzione coi server interni, numero ovviamente valido per le piccole aziende.

Efficienza e scalabilità sarebbero alla base del consumo così ridotto per Gmail, ragione per cui diverse società starebbero gradualmente adottando quella delle nuvole come soluzione permanente: una scelta in grado di permettere particolari guadagni soprattutto a società medio-piccole, con server interni non usati al massimo del loro potenziale, e quindi tenuti a consumare energia inutilmente. Continue reading →

Posted by admin in Google, Internet, PMI

La rivoluzione dello shopping

Dimenticate la geolocalizzazione, le mappe interattive e le nuove frontiere del marketing. Un oggetto è davvero rivoluzionario se riesce a stravolgere abitudini che sembravano immutabili e eterne. Gli smartphone sono tra gli ultimi oggetti che hanno cambiato la nostra vita, in buona compagnia della spoletta volante che diede inizio alla rivoluzione industriale, della radio, del telefono e del pc. I telefonini intelligenti e il loro bagaglio di app stravolgeranno anche il più semplice dei gesti: la spesa al supermercato. Continue reading →

Posted by admin in Internet, Marketing, Mobile

Online nuovo sito PlasticTree

E’ online il nuovo sito plastictree.it. La grafica minimalista ed essenziale all’insegna del “less is more”, porta il visitatore direttamente al cuore delle informazioni e della filosofia che ci accompagna. Sviluppato in HTML/CSS si avvale di animazioni su framework jQuery-javascript.

Posted by admin in Eventi, Internet

Google: il +1 per il search

Roma – Oltre a “promuovere” URL e segnalarli ai proprio contatti durante le ricerche web, il pulsante “+1” di Google potrebbe presto entrare a far parte della nutrita schiera di “segnali” impiegati da Mountain View per classificare i risultati di ricerca in ordine di importanza. A giovarne sarà la qualità delle ricerche stesse, rassicurano dal Googleplex. Continue reading →

Posted by admin in Google, Internet, SEO

Facebook chiude Deals e Places: un sollievo per Groupon e Foursquare

Niente da fare per Facebook Deals: la piattaforma per gli sconti sugli acquisti ha chiuso i battenti a quattro mesi dal lancio. Le offerte erano disponibili soltanto in alcune città degli Stati Uniti e il servizio non arriverà mai in Europa. Groupon può tirare un sospiro di sollievo, venendo a mancare uno dei rivali più promettenti.

Deals non è l’unica funzione sospesa da Facebook: Places, nonostante la discreta diffusione, farà la stessa fine. E in questo caso è Foursquare a sorridere. La localizzazione geografica però non sarà rimossa del tutto, perché dai dispositivi mobili si potrà ancora impostare la posizione come negli aggiornamenti di stato su Twitter. Continue reading →

Posted by admin in Internet, Social Networks

Adobe estende gli strumenti su HTML con Muse

Muse è un progetto di Adobe per avvicinare i grafici alla realizzazione di siti web completi. Non è richiesta la conoscenza del codice HTML e/o CSS: funzionando con AIR, Muse permette di “disegnare” un sito e caricarlo sul proprio spazio. È una nuova opportunità, per quei designer che non conoscono i linguaggi di markupscripting. Continue reading →

Posted by admin in Adobe, Internet, tecnologia

Google compra Motorola Mobility

Google entra direttamente nel mercato della telefonia mobile, con l’acquisto di Motorola Mobility. Si tratta della maggiore acquisizione di sempre per il big Usa dei motori di ricerca. In base ai termini dell’accordo il colosso Usa metterà sul piatto 40 dollari per azione in contanti, per una cifra complessiva di 12,5 miliardi di dollari, ovvero un premio del 63% rispetto alla chiusura del titolo Motorola Mobility di venerdì 12 agosto. Il closing è atteso tra la fine del 2011 e ll’inizio del 2012, dopo avere ottenuto il via libera da parte delle autorità competenti, data la portata, non solo finanziaria, ma anche strategica dell’affare.

Grazie a questa operazione, che ha già ricevuto il nulla osta da parte di entrambi i consigli di amministrazione, il big guidato da Larry Page potrà così per la prima volta realizzare i propri cellulari. La sfida ad Apple è stata ufficialmente lanciata. Se fino a questo momento Google forniva solo il suo sistema operativo Android, adesso grazie a questa integrazione realizzerà anche i telefoni, come già fa il gruppo della Mela morsicata. Secondo Google, Motorola Mobility sarà gestita come un’azienda separata. L’amministratore delegato di Google, Larry Page, ha dichiarato che “l’impegno totale di Motorola Mobility per Android ha creato una combinazione naturale tra le nostre due compagnie”. “Questa transazione offre un significativo valore per gli azionisti di Motorola – ha invece sottolineato Sanjay Jha, ceo della società di telefonia mobile – e fornisce nuove opportunità per i dipendenti i clienti e i partners nel mondo”. Il colosso delle telecomunicazioni americano, Motorola, è stato diviso in due all’inizio dell’anno: da un parte Motorola Mobility, focalizzata sul mercato consumer, e in particolare sulla telefonia mobile; e dall’altra Motorola Solutions, dedicata al settore professionale. Da inizio gennaio le due realtà scambiano sul Nyse.

Google metterà anche le mani su un buon numero di brevetti sulla tecnologia cellulare di Motorola (le voci che circolano parlano di circa 17 mila brevetti). Solo qualche mese fa il re delle ricerche in Rete aveva perso l´opportunità di acquistare 6 mila licenze della società canadese Nortel Networks, finite invece nel sacco di un consorzio di cui facevano parte Apple e Microsoft. A fine luglio Google si era rifatta in qualche modo comprando da IBM licenze per la fabbricazione di microprocessori e per architetture di motori di ricerca on line.

Posted by admin in Google, Internet, Mobile, News